(Hrvatski) Sigurnosna zaštita 2017-09-29T14:06:57+00:00

Loading...

Codice ISPS

Secondo le convenzioni internazionali, l’attenzione speciale viene dedicata alla tutela di sicurezza dell’area portuale aperta al traffico internazionale. Sono state adottate speciali misure e protocolli di sicurezza in conformità al programma di sicurezza del porto.

L’Autorità Portuale di Spalato, la prima in Croazia ha organizzato ed condotto l’Esercizio Generale di simulazione di crisi nel Porto della città.

Il 18 agosto del 2006 è stata effettuata la verifica della Dichiarazione sulla conformità del porto (Statement of compliance of a port facility) che viene rilasciata sulla base delle disposizioni della legge sulla sicurezza del traffico di navi commerciali e dei porti aperti al traffico internazionale della Repubblica di Croazia e della parte B del Codice internazionale per la sicurezza delle navi e degli impianti portuali (Codice ISPS), il che conferma che il porto opera in conformità alle relative risoluzioni del capitolo XI-2 della Convezione SOLAS e della parte A del Codice ISPS.

Dalla metà del 2007 viene applicato il Regolamento sulla determinazione di classe e quantità delle merci pericolose permesse da manipolare nel porto, o con cui la nave può entrare nel porto e altre aree del porto di Spalato nelle quali verranno manipulate merci simili, in vigore dal 11 maggio del 2007.

È stata effettuata la nuova Valutazione della sicurezza e il Programma per la tutela di sicurezza del porto del 2009 in conformità al Codice per la sicurezza delle navi e porti marittimi.

Posteriormente allo sviluppo di Piani sulla protezione di sicurezza del porto del 2009, è stata emanata la nuova Dichiarazione sulla conformità del porto (Statement of compliance of a port facility) in vigore fino al 2014.

Uno dei compiti fondamentali del settore è anche il controllo della manipolazione delle merci pericolose e l’adozione di misure stabilite dal Regolamento in materia di manipolazione delle merci pericolose, le condizioni e le modalità di esecuzione del trasporto nel traffico marittimo, il carico e lo scarico delle merci pericolose, della merce alla rinfusa e altro tipo di carico nei porti, nonché il modo di prevenire la diffusione di petrolio nelle aree portuali, che veniva svolta durante tutto l’anno. Si sta preparando l’introduzione del sistema di tutela ambientale per raggiungere gli obiettivi dello sviluppo sostenibile. Gli standard ecologici della gestione diventano l’interesse principale del porto e confermano il rispetto della normativa in materia ambientale, la conformità con i rapporti sulla qualità dell’ambiente e le misurazioni dell’efficacia del sistema di gestione.

Il settore approva e collabora strettamente con i concessionari e i servizi competenti fornendo informazioni al Centro Operativo del Porto e all’Ufficio di contabilità e controlla quello che viene prescritto e concordato nella zona del porto sotto la nostra amministrazione. Inoltre raccoglie i dati sui rifiuti dalle navi e li trasmette al Ministero della Navigazione, dei Trasporti e delle Infrastrutture, mentre nel porto di Spalato vengono registrati, insieme con l’impresa Čistoća (società Pulizie), elenco di rifiuti non pericolosi.

Il settore effettua la verifica sullo stato di sicurezza e protezione dell’intera area sotto la competenza dell’Autorità Portuale di Spalato. Il settore, su base giornaliera, raccoglie Declarazioni sulle merci pericolose o inquinanti nonché le Liste di controllo per la sicurezza del carico e dello scarico della merce nonché di qualsiasi manipolazione delle merci pericolose dentro i confini sotto la nostra amministrazione

  • Legge sui documenti d’identità

  • Domanda 1 e Domanda 2 sui documenti d’identità

  • L’istruzione operativa per merci pericolose (sotto la sezione Regolamento sulla determinazione della classe e quantità…)

  • Piano della gestione dei rifiuti

  • Bunker Check list (La lista di controllo per la sicurezza dell’approvvigionamento delle navi con il carburante)

  • Attività di istituzione dei centri tecnologici per lo sviluppo e l’ innovazione

  • Prestazione di servizi, tranne quelli bancari, nonché di altre attività finanziarie, servizi di assicurazione e riassicurazione dei beni e delle persone